mail
Avola-guttadauro_58812dtz
Bed&Breakfast L'Abbiocco *** 
Siracusa
Posta sulla costa sud-orientale dell'isola, è la quarta città della Sicilia per numero di abitanti, dopo Palermo, Catania e Messina, in passato Siracusa fu una fra le metropoli più grandi del mondo antico e tra le più grandi poleis del mondo greco. Inoltre, per oltre un millennio, fino alla conquista islamica della Sicilia, è stata la più importante città siciliana ed il capoluogo dell'isola nel periodo romano ed in quello bizantino.Caratterizzata da ingenti ricchezze ed importanti rilevanze storiche, archeologiche e paesaggistiche sul profilo antico, rinascimentale e barocco, nel 2005 la città è stata insignita del titolo di Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO insieme con la Necropoli Rupestre di Pantalica.
Noto
Noto (Nuoto in siciliano) è un comune italiano di 24.047 abitanti della provincia di Siracusa in Sicilia.
È il primo comune siciliano e il quarto italiano per estensione territoriale (550 km²).Definita la "Capitale del Barocco", nel 2002 il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO, insieme con il Val di Noto.
Avola
Àvola (Raula, Raila, Aula, Avula in siciliano; anticamente chiamata Àbola) è un comune italiano di 31.342 abitanti della provincia di Siracusa inSicilia. A pianta esagonale, si affaccia sulla costa ionica della Sicilia Orientale nel Golfo di Noto.
800px-SIRACUSA_VISTA_DALLAEREO_CON_LETNA_SULLO_SFONDO.FOTO_Di_Angelo
IMG_1113.JPG
La_cattedrale_di_Noto_restaurata.JPG
Modica
Modica (Muòrica in sicilianoΜότουκα per i Greci, Mutica / Motyca in latino) è un comune italiano di 54.112 abitanti della provincia di Ragusa inSicilia. La città per popolazione è il tredicesimo comune della Sicilia ed il 124° d'Italia, mentre è per estensione del suo territorio all'11º posto fra i Comuni siciliani, ed al 41° fra tutti i Comuni d'Italia. Nel 2002 è stata inclusa, insieme con il Val di Noto, nella lista dei Patrimoni dell'Umanitàdell'UNESCO per il suo centro storico, ricco di architetture barocche.
Marzamemi
Marzamemi è una frazione marinara di cui una parte è del comune di Pachino da cui dista circa 3 km e una seconda parte è del comune di Noto da cui dista 20 km. Si trova in provincia di Siracusa.
l borgo è nato attorno all'approdo, poi divenuto porto da pesca, e si è sviluppato grazie a quest'ultima attività, molto praticata ancor oggi, dotandosi anche di una Tonnara, tra le più importanti della Sicilia. La tonnara di Marzamemi risale al tempo della dominazione degli arabi in Sicilia. Nel 1630venne venduta dal proprietario al Principe di Villadorata. I Villadorata potenziarono i fabbricati della tonnara portando da Avola e da Siracusa degli abili carpentieri, che poi rimasero residenti a Marzamemi.Nel 1752 costruirono il palazzo e la chiesa della tonnara, e le casette dei marinai.Nel 1912 fu costruito a Marzamemi uno stabilimento di lavorazione del tonno salato e in seguito del tonno sottolio. La pesca della tonnara fu abbondante fino al dopoguerra.
Portopalo di capo passero
La cittadina dista 58 chilometri da Siracusa ed è il comune più a sud dell'isola siciliana (al di sotto del parallelo di Tunisi). Del suo territorio fa parte l'isola di Capo Passero a poche decine di metri dalla terraferma e l'isola delle Correnti a pochi chilometri. È un centro prevalentemente agricolo e marinaro e proprio su queste attività fonda le sue fortune economiche. Il paesino è bagnato dai due mari: lo Jonio e il Mediterraneo.
Sullo Jonio sorgeva un tempo il piccolo porto dove sono ancora presenti, anche se ormai quasi cadenti, le casette dei pescatori. Verso est si staglia l'isola di Capo Passero dove si erge la fortezza spagnola sovrastata da una imponente statua bronzea della madonna.
800px-Modica-panorama
800px-Isola_Capo_Passero
800px-Marzamemi_1500
La Riserva naturale orientata Oasi Faunistica di Vendicari
è sita in provincia di Siracusa, precisamente tra Noto e Marzamemi. Particolarmente importante per la presenza di pantani che fungono da luogo di sosta nella migrazione degli uccelli. Prevista da una legge dellaRegione Siciliana del maggio 1981, è stata ufficialmente istituita nel 1984, dopo che l'allora Ministro dell'Agricoltura e delle Foreste Filippo Maria Pandolfi dichiarò 1450 ettari di territorio "zona umida di importanza internazionale", secondo la Convenzione di Ramsar del 1971. È stata resa effettivamente fruibile solo nel 1989. È gestita dall'Azienda Regionale Foreste Demaniali
La Riserva naturale orientata Cavagrande del Cassibile
 è compresa nei comuni di AvolaNoto e Siracusa, in provincia di Siracusa, in Sicilia. È stata istituita nel 1990 (D.A. del 13 luglio), gestita dall'Azienda Foreste Demaniali della Regione Siciliana; ne è prevista l'inclusione nell'area del Parco Nazionale degli Iblei, attualmente in fase di elaborazione. La Riserva è nata con lo scopo di preservare le diverse ricchezze del suo territorio sia dal punto di vista naturalistico-paesaggistico sia sotto il profilo archeologico ed antropologico, visto che tutta la zona è stata abitata nel corso dei millenni e ne sono rimaste notevoli testimonianze in tombe e reperti, basti pensare che Castelluccio, frazione di Noto ha dato vita ad un insediamento preistorico che dà nome ad un'intera tipologia, la cosiddetta Cultura di Castelluccio e ricordare che ci troviamo nell'area del Sito Patrimonio dell'Umanità-Unesco di Pantalica. La Riserva si estende per 2700,00 ettari, 900 ha nella zona A (riserva) e 1860,00 ha nella zona B (preriserva ed è caratterizzata dal corso del fiume Cassibile, l'antico Kakyparis greco, che le dà nome e che l'ha creata nel corso dei millenni scavando profonde gole o canyon a diverse profondità che toccano il massimo di 507 m nella zona belvedere di Avola Antica; anche l'ampiezza massima di queste altrove strettissime gole è situato nella stessa zona di Avola antica e misura un'estensione di 1200 metri di larghezza. Nel fondovalle, si è formato un sistema di piccole cascate e laghetti ( chiamati localmente uruvi) fonti di refrigerio estivo per i suoi numerosissimi frequentatori ai quali si accede per un'antica suggestiva scala nota come La Scala Cruci.
800px-Cava_Grande_Cassibile_26
800px-Vendicari
In questa pagina sono stati elencati alcuni dei paesaggi vicino alla nostra struttura, senza dimenticare che la Sicilia ovviamente è tutta da visitare.
«L'intera Sicilia è una dimensione fantastica. Come si fa a viverci senza Immaginazione?»
(Leonardo Sciascia) 
Site map
Credits
Bed&Breakfast "L'abbiocco"
Via Vito Schifani 18/96012 Avola(SR)-Sicilia-Italia




Tel. +39 339 8884457
E.mail: info@labbiocco.it
Offerte
Social
Web agency - Creazione siti web CataniaCreare un sito web su misura